La storia di Firenzuola

Terra di confine

"Perrochè questa fia terra nuova e nel cuore dell'Alpe e nella forza degli Ubaldini e presso alle confini di Bologna e di Romagna e d'ella non ha nome che al comune di Firenze ne caglia e abbiala cara, a' tempi avversi di guerra che possono avvenire, ella fia tolta e rubellata spesso; ma se le porrete il nome ch'io vi dirò, il comune ne sarà più geloso e più sollecito alla guardia: perch'io la nominerei, quando a vor piacesse, Firenzuola. A questo nome tutti in accordo senza alcuno contrasto furono contenti, e il confermarono; e per più aumentare e favorare il suo stato e potenza le diedono per insegna e gonfalone mezza l'arme del comune, e mezza del popolo di Firenze".

(Giovanni Villani, Cronica, Libro X, cap. CXCIX, 1340)

Firenzuola: Terra nuova Fiorentina

Voluta dal Consiglio della Repubblica nel 1306, la città di Firenzuola sarà fondata nel 1332 e compiuta com'è oggi nel 1502, con il contributo dell'Architetto Antonio da San Gallo il Vecchio.

I 32 castelli Ubaldini

Gli Ubaldini, consorteria feudale che dominava il Mugello e le "Alpes Ulbadinorum", sono arrivati ad avere nell'ambito del Comune di Firenzuola 32 castelli, dei quali ne è accertata la presenza da inconfondibili tracce, celate su romiti crinali e nei boschi del territorio.

Questa forte presenza feudale e conservatrice costituiva un ostacolo all'espansione mercantile di Firenze. L'inevitabile conflitto, iniziato nel 1200 e terminato ufficialmente nel 1373, aveva portato nel 1306 alla decisione di fondare due terre nuove: Scarperia e Firenzuola.

La Linea Gotica e l'ultima grande battaglia per la liberazione.


All'alba del 13 settembre iniziò l'attacco alla Linea Gotica preceduto da incursioni aeree e da una pesante preparazione d'artiglieria, poi i fanti americani cominciarono ad arrampicarsi sui pendii dei Monticelli e dell' Altuzzo, abbondantemente disseminati di mine, reticolati, postazioni di mitragliatrici.

Il Monte Altuzzo fu conquistato la sera del 17 settembre dall'85a divisione, fu preso il Passo del Giogo. Il Passo della Futa fu occupato tre giorni dopo da un battaglione della 91a. Il 21 settembre gli americani entravano a Firenzuola, distrutta dai bombardamenti aerei del 12 settembre 1944. La V Armata americana aveva sfondato la Linea Gotica al prezzo di quasi tremila tra morti e feriti.

Sul Passo della Futa si trova uno dei due cimiteri militari Tedeschi in Italia che raccoglie 35.000 caduti sul fronte Italiano settentrionale, nell'ultimo conflitto mondiale. A Coniale si trova un cimitero di guerra Inglese.

Firenzuola terra di mezzo

La storia antica è presente sul territorio di Firenzuola con tracce che raccontano dei Liguri, degli Etruschi e dei Romani, che valicavano gli Appennini per i loro commerci o con i loro eserciti, lasciando tracce di un passaggio più che di insediamenti.
Testimonianze etrusche rappresentate dai bronzetti etruschi dell'Albagino di Bruscoli (VI-IV sec. a.c.), dal Giove Tonante de "I Fuochi di Legno" di Pietramala o dal bronzetto di Moraduccio, comprovano la frequentazione di questa cultura.
Poggio Castelluccio sulla "Via degli Dei" è la traccia di un Castelliere Ligure (si presume V-III sec a.C.).
I basolati della strada "romana" che hanno segnato il tracciato della "Via Dei", sono l'ipotesi più attendibile della Flaminia Minor narrata da Tito Livio (187 a.c.).
Gli Ubaldini delle "Alpes" , consorteria di origine longobarda che domina questo territorio prima a difesa dei confine con l'Esarcato Bizantino di Ravenna (570-712?), poi strade e valichi appenninici tra Firenze ed il nord Italia. Restano le vestigia di 32 castelli, imputati agli Ubaldini delle Alpi, tutti distrutti dalla Repubblica Fiorentina dopo la finale vittoria (1350).
Le dogane leopoldine delle Filigare del Poccianti, quelle di Castiglioncello e del Paretaio che hanno segnato il confine tra lo Stato Pontificio ed il Gran Ducato di Toscana.
La Linea Gotica (Green Line) , ultimo baluardo fortificato creato dall'Esercito Tedesco in Italia, per contrastare l'avanzata degli Alleati. Nel Settembre 1944 sarà teatro di una battaglia e di combattimenti fino al Maggio 1945. Nel conflitto Firenzuola viene bombardata e completamente distrutta il 12 Settembre 1944 .
Il Confine tra Toscana (Provincia di Firenze) e l'Emliaromagna (Province di Bologna e Imola)

La catena montuosa dell'Appennino settentrionale, ricoperta da folti boschi e pascoli montani, solcata dalle sorgive e dalle valli di innumerecoli corsi d'acqua che confluiscono al mare: prevalentemente a nord affluenti del Fium Reno e per lui nella Bassa Padana ed all'Adriatico, sul delta del Po. Nel versante sud per picola parte al Fiume Sieve, affluente dell'Arno.



© 2017 Pro Loco di Firenzuola. P.za Don Stefano Casini, 5 - 50033 Firenzuola (fi). Tutti i diritti riservati. Web editor Arch. F.Poli.
Creato con Webnode
Crea il tuo sito web gratis!